Messaggio
  • UE - Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione e per altre funzioni con fini statistici. Se accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo clicca sul pulsante Accetto. In mancanza di accettazione alcune funzioni potrebbero non funzionare correttamente.

    Visualizza Documenti sulla Direttiva UE e-Privacy

Sei qui: Home Decertificazione
Viale C. Verani n. 7 - 02100 Rieti - tel. 0746 491589 fax 0746 495233 (solo se email non funziona) email [email protected] PEC [email protected]
PDF  Stampa  E-mail  Questa pagina è stata visitata 7684 volte Twitter Facebook Google+

Normativa

decertificazioneIl 1° gennaio 2012 sono entrate in vigore le modifiche, introdotte con l’articolo 15, comma 1, della legge 12 novembre 2011, n. 183, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello stato (legge di stabilità 2012)”, alla disciplina dei certificati e delle dichiarazioni sostitutive contenuta nel “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa” di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Le disposizioni in parola sono dirette a consentire una completa “decertificazione” nei rapporti fra P.A. e privati, in specie l’acquisizione diretta dei dati presso le amministrazioni certificanti da parte delle amministrazioni procedenti e, in alternativa, la produzione da parte degli interessati solo di dichiarazioni sostitutive di certificazione o dell’atto di notorietà.

Tali disposizioni devono essere osservate dalle Pubbliche amministrazioni e dai gestori di pubblici servizi nei rapporti fra loro e in quelli con l’utenza ai sensi dell’articolo 2 del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000.

Le certificazioni rilasciate dalle P.A. in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati; nei rapporti con gli organi della Pubblica amministrazione e i gestori di pubblici servizi, i certificati sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o dall’atto di notorietà. Conseguentemente, le amministrazioni e i gestori non possono più accettarli né richiederli, tanto più in quanto tali comportamenti integrano, per espressa previsione, violazione dei doveri d’ufficio ai sensi della nuova formulazione dell’articolo 74, comma 2, lett. a), del decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000.

Sui certificati deve essere apposta, a pena di nullità, la dicitura: “il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”; le amministrazioni e i gestori devono conseguentemente adottare le misure organizzative necessarie per evitare che, dal 1° gennaio 2012, siano prodotte certificazioni nulle per l’assenza della predetta dicitura. Inoltre, il rilascio di certificati che ne siano privi costituisce violazione dei doveri d’ufficio a carico del responsabile, per espressa previsione della lett. c-bis del comma 2 dell’articolo 74, del decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000, introdotta dal citato articolo 15 della legge n. 183 del 2011.

Le amministrazioni certificanti sono tenute ad individuare un ufficio responsabile per tutte le attività volte a gestire, garantire e verificare la trasmissione dei dati o l’accesso diretto agli stessi da parte delle amministrazioni procedenti; tale adempimento risulta indispensabile, anche per consentire “idonei controlli, anche a campione”, delle dichiarazioni sostitutive, a norma dell’articolo 71 del decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000.

Misure organizzative di attuazione

Gli uffici della Pubblica amministrazione, comprese le scuole di ogni ordine di grado, ed i gestori di pubblici servizi, al fine di procedere alla verifica dei dati contenuti nelle dichiarazioni sostitutive previste dagli artt. 46 e 47 del DPR 445/2000, relative a certificazioni di questo ufficio, possono inviare apposita richiesta all’indirizzo PEC, oppure tramite fax o posta ordinaria, avendo cura di precisare il nominativo del funzionario responsabile della procedura e l’indirizzo di posta elettronica (preferibilmente PEC) al quale inviare il relativo riscontro. La richiesta redatta su carta intestata dell' Ente dovrà riportare i dati forniti dal cittadino ed, in calce, la richiesta di verifica delle dichiarazioni e l'apposito spazio ove apporre la dichiarazione di concordanza o di non concordanza della dichiarazione resa.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (AOODGPER.9107.pdf)AOODGPER.9107.pdfNota del MIUR n. 9107/201237 Kb
Scarica questo file (appunto dip.FP.zip)appunto dip.FP.zipAppunto della Funzione Pubblica trasmesso con nota MIUR n.3364 del 7 dicembre 20121000 Kb
Scarica questo file (direttiva_ministro_n14.zip)direttiva_ministro_n14.zipDirettiva n. 14/2011 del Ministero della pubblica amministrazione e della semplificazione89 Kb
Scarica questo file (Esenzione_bollo.pdf)Esenzione_bollo.pdfDocumenti esenti dall'imposta di bollo di cui alla Legge 642/197212 Kb
Scarica questo file (graduatoria A048.xls)graduatoria A048.xlsAbilitati al concorso A048163 Kb
Accedi a questo URL (http://www.funzionepubblica.gov.it/lazione-del-ministro/direttiva-n-142011---direttiva-decertificazione/la-direttiva-del-ministro-per-la-pubblica-amministrazione-e-la-semplificazione.aspx)link_arrow.pngla-direttiva-del-ministro-per-la-pubblica-amministrazione-e-la-semplificazione.aLink al sito funzione pubblica sulla direttiva per la decertificazione con la normativa e le FAQ16 Kb
Scarica questo file (Modello-per-richieste-di-verifica-da-inviare-allufficio.pdf)Modello-per-richieste-di-verifica-da-inviare-allufficio.pdfModello per la richiesta di verifica delle autocertificazioni da inviare all'ufficio5 Kb
Accedi a questo URL (http://www.google.it/search?q=decertificazione+scuola)link_arrow.pngsearchNotizie dal web0 Kb

Tags: decertificazione | graduatoria A048 | imposta bollo

Ultimo aggiornamento ( Domenica 13 Gennaio 2013 09:22 )